Fiori Di Cadillac

Biografia

I Fiori di Cadillac nascono nel 2009 e tra settembre e ottobre 2010, vede la luce il primo EP “Anoikis”, autoprodotto, contenente 4 brani inediti. Tra le recensioni ricordiamo Musica Sotterranea che così scrive:

I testi sono microstorie di emozioni e sensazioni svelate come segreti, tra chitarre e pianoforte, suoni duri e dimessi, come in un’altalena di inquietudini e malinconie”.

All’inizio del 2011, presentando l’Extended Play, la band viene contattata da varie etichette indipendenti e così nel marzo dello stesso anno il gruppo entra a far parte di Forears, etichetta fiorentina. Dopo la partecipazione a diversi contest e festival, nel marzo 2012 i Fiori di Cadillac entrano in studio per le registrazioni del primo album, pubblicato per Forears Music Company/Audioglobe/The Orchard il 21 ottobre 2013: “Cartoline”. Parte, così, il Tour nazionale che porta il gruppo salernitano in diversi club dello stivale. La stampa si accorge di Cartoline e ne parla in questo modo:

“…una delle migliori uscite discografiche di questo duemilatredici stronzo e funesto, un esordio che ti scoppia in faccia…” (Rockambula Webzine);

“…la band dimostra una maturità poetica e una padronanza tecnica davvero importanti, che ben si affiancano ad una sensibilità toccante e fuori dall’ordinario.” (RockIt);

“Un’opera prima di sommessa bellezza e accademica crepuscolarità.” (Rumore).

Nell’aprile del 2014, la band partecipa al 1M Festival, classificandosi tra le prime 8 band italiane in lizza per partecipare al Concerto del Primo Maggio di Piazza San Giovanni a Roma, e a giugno il gruppo viene selezionato per prendere parte all’edizione 2014 del Marea Festival di Fucecchio, in provincia di Firenze, dopo i concerti di: Earth Wind and Fire, Vinicio Capossela, Giorgio Canali & Rossofuoco. Nel novembre dello stesso anno, Paolo Benvegnù, uno dei più importanti esponenti della scena musicale indipendente, italiana, dopo aver condiviso il palco dell’Affekt Club di Frosinone con la band salernitana, in una intervista per Rolling Stones Italia, esprime il proprio apprezzamento ed il proprio interesse nell’avviare una collaborazione ed una futura produzione artistica con i FDC. Pochi mesi dopo, parallelamente all’incessante Tour di Cartoline, i Fiori di Cadillac, si esibiscono al Festival “La leva musicale degli anni dieci”, classificandosi al primo posto, e guadagnando così, di diritto, la partecipazione la M.E.I. 2015 (Meeting delle Etichette Indipendenti), importante appuntamento annuale per la musica indipendente, che si terrà a Faenza tra settembre e ottobre 2015. Durante il periodo che va da dicembre 2014 a gennaio 2015, la band subisce importanti rivoluzioni interne e decide di fissare su nastro e su pellicola la nuova veste e la nuova direzione del progetto. Entra così negli studi di Casa lavica, etichetta emergente nel panorama campano, per la registrazione di un Live in Studio, contenente un nuovo brano “I Fantasmi” e due brani tratti da “Cartoline”, rivestiti di nuove sonorità e nuove sfumature sonore. Il primo di questi tre video, “I Fantasmi” viene pubblicato a inizio febbraio e subito viene scelto come video della settimana dalla redazione di Rockambula, webzine di musica indipendente italiana. Lo staff di Rockambula, indìce in seguito un concorso in onore del ventennale dell’uscita di “Acidi e basi”, “Streetambula Winter Session”, a cui i FDC partecipano guadagnando la vittoria ed entrando così a far parte della compilation dedicata al primo album dei Bluvertigo, che sarà registrata negli studi di QB Music di Milano, con il brano “Complicità”. Contemporaneamente al costante lavoro di scrittura e composizione, ed alla sperimentazione su nuovi brani, la band successivamente avvia una ulteriore collaborazione con il “Producer” inglese Steve Lyon di base a Londra, per la riedizione e la rimasterizzazione di “Cartoline” in lingua inglese, volta alla diffusione e all’apertura del progetto su scenari europei ed internazionali.


LaSonda

Biografia

La band nasce nel 2013 dedicandosi sin da subito all’attività live dividendo spesso il palco con artisti affermati (tra i quali Verdena, Bud Spencer Blues Explosion, F.A.S.K, Linea77, Daniele Celona, Tre Allegri Ragazzi Morti, Bastard Sons Of Dioniso, M.Antonietta e tanti altri) e vincendo diversi contest regionali.
Ad Aprile 2015 esce il loro primo ep, “Luna3″, edito dalla Diverge Records e registrato a Londra nei Battersea Park Studios, mentre nel giugno 2015 ottengono l’RTVPass di RockTV Italia grazie al video ufficiale del brano “Lezione di Astronomia”, regia di Gianluca & Giulia Grandinetti. Il 2015 si conclude con tantissimi live, si sottolinea la partecipazione al M.E.I. e al Festival delle Generazioni con Omar Pedrini, mentre il nuovo anno inizia positivamente grazie al secondo posto ottenuto a “Sanremo Rock Trend Festival” svoltosi a Casa Sanremo.

Frank Polucci

Biografia

Francesco, in arte Frank, 34 anni cantautore di Guidonia che vive di musica.
Poliedrico dal carattere cupo,limpido e profondo.
Nella sua musica mette gioie, dolori, luci, ombre, ricerca, interrogativi….mette a nudo le sue emozioni per darle a chi le ascolta.
Il suo progetto di maggior risalto è il suo “One man band show” con il quale si esprime confluendo i suoni e le ritmiche della sua voce e della sua chitarra in una loop station.
Adora farsi trasportare dalla vibrazioni che il suo pubblico gli trasmette,traendone ispirazione e lasciando spazio alla creatività senza programmare mai una scaletta o un genere da seguire.
L’esperienza di vederlo creare mondi sonori di mille generi diversi dal nulla è da non perdere.
Lavora nel campo della musica ormai da 15 anni come interprete, arrangiatore,autore di colonne sonore ed insegnante di canto.
Ha esplorato moltissimi mondi musicali diversi dall’alternative hard rock delle sue origini al jazz, fino ad arrivare all’indie elettronico passando per il pop internazionale e il new soul, ma gli ascolti che hanno caratterizzato di più la sua vocalità sono quelli di Jeff Buckley ,Paolo Nutini e Jhon Legend.
Ha cantato e suonato in tantissime formazioni diverse perfino in una big band swing di 25 elementi.
La sua infinita fonte di ispirazione in evoluzione continua lo ha portato a scrivere ed arrangiare più di 100 brani e lavori originali,ma la sua musica è rimasta sempre nascosta nel suo computer per colpa del suo estremo senso autocritico.
Il suo genere è difficile da definire perché spazia da un rock spinto quasi stoner a dei momenti di pura visione eterea… adora l’elettronica moderna,ma raccoglie anche le penombre dei Massive Attack fino ad arrivare al pop decadente degli Stereophonics di ‘In A Moment’ .
Ora vuole tirare fuori tutto e piano piano sta iniziando a farsi conoscere nella scena indipendente italiana.
In questa serata presenterà dei brani tratti dalle sue ultime raccolte di canzoni mai pubblicate sia in italiano che in inglese e reinterpreterà e sperimenterà cover del panorama rock,pop e folk internazionale.
Ha partecipato a diversi programmi televisivi Rai come “Domenica in tv nel 2005” con Mara Venier “Fuoriclasse”con Carlo Conti nel 2007 “L’anno che verrà”nel 2008 e “The voice of italy” di quest’anno nel team di Dolcenera ed è stato ospite della trasmissione radiofonica di Radio due “radio due social club” diretta da Luca Barbarossa e Andrea Perrone.
“Con la musica –spiega –  riesco ad accettarmi e mi aiuta ad essere migliore”

<br<

Featured Tracks:

Alcune tracce presenti su Youtube…


Sick Tamburo

Biografia

I Sick Tamburo sono un gruppo musicale alternative rock del 2007 di Gian Maria Accusani ed Elisabetta Imelio, separatisi dai Prozac+.
Il progetto prende forma per mezzo di Elisabetta e Gian Maria; si aggregano alla band un bassista, String Face, ed un batterista, Doc. Eye. Si sceglie il nome di Sick Tamburo (“tamburo malato”), in realtà pensato per un progetto di percussioni noise di Gian Maria, conosciuto ora come Hard Core Tamburo.
Vengono pubblicati i primi brani su Myspace (Intossicata, Finché tu sei qua, Topoallucinazione e Quel paese) ed il video di Tocca 24/7 su YouTube nel 2007, in cui i Sick Tamburo appaiono con maschere bianche per celare i volti. Inoltre decidono di avvalersi di nickname: Gian Maria sceglie Mr Man, mentre Elisabetta opta per Boom Girl. Vengono tuttavia riconosciuti ed abbandonano le maschere, decidendo però di utilizzare dei passamontagna per motivi estetici.
Si affidano a La Tempesta Dischi, collettivo d’artisti indipendente capitanato dai Tre Allegri Ragazzi Morti, anch’essi pordenonesi.
Album omonimo
Il 10 aprile del 2009 viene pubblicato il primo album dei Sick Tamburo, dal titolo omonimo e contenente 12 pezzi, per una durata totale di circa 39 minuti. I brani, scritti e composti da Gian Maria, hanno ritmi ripetitivi accompagnati da testi minimalisti.
Il 20 aprile 2009 esce il primo singolo ufficiale Il mio cane con tre zampe, e inizia la collaborazione con Stefano Poletti, voce e leader dei Pecksniff, che cura la regia dei loro successivi videoclip. Vengono premiati al Meeting delle Etichette Indipendenti (MEI) nella sua classifica indipendente.
Iniziano un tour di concerti, anche in festival quali La Tempesta sotto le Stelle, il Rivolution Fest, e la Festa di Radio Onda d’urto.
Nel novembre del 2009 esce il secondo singolo Parlami per sempre, girato a Parma, nella discarica della carta.
A.I.U.T.O.
L’uscita del secondo album, prevista per l’aprile del 2010, vede un rinvio di sette mesi dovuto alla maternità di Elisabetta. I Sick Tamburo si esibiscono ancora live fino al 17 giugno in Val di Sole in provincia di Trento.
Nell’ottobre del 2011 il singolo E so che sai che un giorno preannuncia l’uscita del secondo album A.I.U.T.O. il 4 novembre 2011, i cui temi sono riassunti nell’acronimo Altamente Irritanti Umani Tecniche Ossessive. Presenta 12 brani, per una durata di circa 42 minuti, di genere rock elettronico più melodico.
L’A.I.U.T.O. Tour, iniziato da Milano il 25 novembre, consente alla band di girare un po’ tutta Italia.
Senza Vergogna
Il 28 aprile 2014 esce in anteprima il video della canzone Il fiore per te che anticipa l’album annunciato Senza vergogna; nel video fa apparizione Davide Toffolo dei Tre Allegri Ragazzi Morti, autore anche della copertina dell’album.

Featured Tracks:

Alcune tracce presenti su Youtube…